Fitosanitario: Titoli di disposizioni legislative di interesse

fitosanitario
a) Disposizioni legislative su produzione, commercio e vendita dei prodotti fitosanitari
R.D. 27/7/1934, n. 1265 (G.U. n. 186 del 9/8/1934) Testo unico delle leggi sanitarie.

Legge 30/4/1962, n. 283 (G.U. n. 139 del 4/4/1962)

Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande (riguardano i presidi sanitari gli artt. 5 e 6).

Legge 26/2/1963, n. 441 (G.U. n. 98 del 11/4/1963) Modifica ed integrazione della legge 30/4/1962, n. 283.

D.P.R. 3/8/1968, n. 1255 (G.U. n. 327 del 27/12/1968, suppl. ord.)

Regolamento concernente la disciplina della produzione, del commercio e della vendita dei fitofarmaci e dei presidi delle derrate alimentari immagazzinate.

D.M. 19/7/1969 (G.U. n. 205 del 12/8/1969)

Aggiornamento dell’elenco di cui all’allegato n. 3 al Regolamento concernente la disciplina della produzione, del commercio e della vendita dei fitofarmaci e dei presidi delle derrate alimentari immagazzinate.

D.M. 28/7/1970 (G.U. n. 232 del 14/9/1970, suppl. ord.)

Approvazione degli elenchi di cui alle lettere a) e b) dell’art. 39 del Regolamento approvato con D.P.R. 3/8/1968, n. 1255. Imprese autorizzate e presidi sanitari per i quali è provvisoriamente consentita l’immissione in commercio.

D.M. 28/11/1970 (G.U. n. 56 del 4/3/1971)

Secondo aggiornamento dell’elenco di cui all’allegato n. 3 del D.P.R. n. 1255 del 3/8/1968, riguardante il Regolamento concernente la disciplina della produzione, del commercio e della vendita dei fitofarmaci e dei presidi delle derrate alimentari immagazzinate.

D.M. 28/12/1970 (G.U. n. 89 del 9/4/1971, suppl. ord.)

Modifiche, integrazioni e rettifiche al D.M. 28/7/1970, concernente l’approvazione degli elenchi di cui alle lettere a) e b) dell’art, n. 39 del Regolamento approvato con D.P.R. 3/8/1968, n. 1255. Imprese autorizzate e presidi sanitari per i quali è provvisoriamente consentita l’immissione in commercio.

D.M. 28/8/1971 (G.U. n. 329 del 29/12/1971)

Rettifica del D.M. 28/12/1970, concernente l’elenco delle imprese autorizzate e presidi sanitari per i quali è provvisoriamente consentita l’immissione in commercio.

D.M. 29/9/1971 (G.U. n. 28 del 31/1/1972)

Rettifica del D.M. 28/12/1970, concernente le imprese autorizzate ed i presidi sanitari per i quali è provvisoriamente consentita l’immissione in commercio.

D.P.R. 9/5/1974 n. 424 (G.U. n. 242 del 17/9/1974)

Modifica dell’art. 24 del Regolamento concernente la disciplina della produzione, del commercio e della vendita dei fitofarmaci e dei presidi delle derrate alimentari immagazzinate approvati con D.P.R. 3/8/1968, n. 1255.

D.M. 25/3/1975 (G.U. n. 109 del 24/4/1975)

Rettifica del D.M. 28/12/1970, concernente l’elenco dei presidi sanitari provvisoriamente autorizzati ai sensi degli artt. 38 e 39 del D.P.R. 3/8/1968 n. 1255.

D.M. 31/8/1979 (G.U. n. 257 del 19/9/1979)

Registrazione dei presidi sanitari ai sensi dell’art. 6 della legge 30/4/1962 n. 283 e del Regolamento approvato con D.P.R. 3/8/1968, n. 1255.

D.M. 9/2/1984 (G.U. n. 153 del 5/6/1984)

Restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune sostanze e preparati pericolosi, in attuazione delle Direttive comunitarie.

Circolare Min. Sanità 3/9/1990, n. 20 (suppl. ord. n. 61 alla G.U. n. 216 del 15/9/1990) Aspetti applicativi delle norme vigenti in materia di registrazione dei presidi sanitari.

D.M. 7/8/1992 (G.U. n. 191 del 14/8/1992)

Conclusione del riesame del principio attivo Ciexatin ed approvazione della scheda tecnica relativa riportante le nuove prescrizioni e condizioni di impiego.

D.M. 16/11/1992, n. 550 (G.U. n. 18 del 23/1/1993)

Regolamento recante differimento del termine per lo smaltimento di scorte dei presidi sanitari pericolosi, in sede di commercializzazione.

Circolare 19/3/1993, n. 7 (G.U. n. 103 del 5/5/1993)

Programma di revisione di novanta sostanze attive presenti nei fitofarmaci (regolamento CEE n. 3600 dell’11 dicembre 1992 e Circolare n. 20 del 3 settembre 1990).

D. Lgs. 17/3/1995, n. 194 (G.U. n. 122 del 27/5/1995 – suppl. ord. n. 60)

Attuazione della direttiva 91/414/CEE in materia di immissione in commercio di prodotti fitosanitari.

Circolare 10/6/1995, n. 17 (G.U. n. 145 del 23/6/1995 – suppl. ord. n. 76)

Aspetti applicativi delle nuove norme in materia di autorizzazione di prodotti fitosanitari: il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194 di attuazione della direttiva 91/414/CEE, e successive modifiche ed integrazioni.

D.M. 28/9/1995 (G.U. n. 298 del 22/12/1995)

Modificazioni agli allegati II è III del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione delle direttive della Commissione europea 95/35/CE e 95/36/CE del 14 luglio 1995.

D.M. 16/10/1995 (G.U. n. 298 del 22/12/1995)

Disciplina del funzionamento della commissione consultiva per i prodotti fitosanitari, di cui all’art. 20 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194.

D.M. 15/3/1996 (G.U. n. 74 del 28/3/1996)

Semplificazioni procedurali in materia di prodotti fitosanitari, in applicazione del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194.

D.M. 15/4/1996 (G.U. n. 168 del 19/7/1996 – suppl. ord. n. 121)

Modificazioni agli allegati II e III del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva della Commissione europea 96/12/CE dell’8 marzo 1996, relativamente ai requisiti degli studi ecotossicologici da presentare per la valutazione di una sostanza attiva e di un prodotto fitosanitario.

D.M. 26/4/1996 (G.U. n. 167 del 18/7/1996)

Adozione del piano per l’anno 1996 per il controllo ufficiale dell’immissione in commercio e dell’utilizzazione dei prodotti fitosanitari.

b) Disposizioni legislative su obblighi, divieti, limiti e revoche, nell’impiego dei prodotti fitosanitari

D.M. 4/12/1967 (G.U. n. 8 del 11/1/1968)

Disposizioni concernenti l’impiego limitato di alcuni disinfestanti ciclodienici clorurati.

D.M. 14/1/1970 (G.U. n. 34 del 9/2/1970)

Divieto e limiti d’impiego dei presidi sanitari contenenti DDT relativamente alle singole specie vegetali.

D.M. 11/8/1970 (G.U. n. 237 del 18/9/1970)

Divieto d’impiego nel settore agricolo dei diserbanti 2,3,5-T e 2,4,5-TP.

D.M. 28/12/1970 (G.U. n. 39 del 15/12/1971)

Limiti alla concentrazione dei principi attivi inclusi nella I classe non trasferibile, di cui all’allegato 3 del D.P.R. 3/8/1968 n. 1255.

D.M. 10/8/1971 (G.U. n. 212 del 23/8/1971)

Divieto per l’impiego agricolo, dei principi attivi a base di antibiotici, chemioterapici, acetato di fenil mercurio.

D.M. 20/10/1971 (G.U. n. 9 del 12/1/1972)

Modifiche al D.M. 28/12/1970, concernente i limiti alla concentrazione dei principi attivi inclusi nella classe non trasferibile, di cui all’allegato 3 del D.P.R. 3/8/1968, n. 1255.

D.M. 19/7/1972 (G.U. n. 224 del 29/8/1972)

Modifiche al D.M. 28/12/1970, concernente limiti alla concentrazione dei principi attivi inclusi nella I classe non trasferibile di cui all’allegato 3 del D.P.R. 3/8/1968 n. 1255.

D.M. 7/10/1972 (G.U. n. 286 del 3/11/1972)

Divieto dell’impiego in agricoltura di presidi sanitari contenenti olio di creosoto.

D.M. 9/10/1972 (G.U. n. 282 del 28/10/1972)

Divieto d’impiego, quali antiparassitari agricoli, di tutti i composti organici del mercurio.

D.M. 31/7/1973 (G.U. n. 213 del 18/8/1973) Limiti d’impiego del D.D.D. negli antiparassitari.

D.M. 31/7/1973 (G.U. n. 215 del 21/8/1973)

Divieto d’impiego in agricoltura di presidi sanitari contenenti miscele di meta e paracresolo.

D.M. 23/10/1973 (G.U. n. 332 del 28/12/1973)

Divieto d’impiego in agricoltura di presidi sanitari contenenti Quintozene. D.M. 26/10/1973 (G.U. n. 282 del 31/10/1973) Divieto dell’impiego di clorociclodienici. D.M. 7/2/1974 (G.U. n. 59 del 4/3/1974)

Divieto d’impiego in agricoltura dei presidi sanitari contenenti monofluoro acetamide (MNFA).

D.M. 3/8/1974 (G.U. n. 227 del 31/8/1974)

Divieto d’impiego in agricoltura dei presidi sanitari contenenti aminotriazolo (ATA). D.M. 14/8/1974 (G.U. n. 229 del 3/9/1974)

Divieto d’impiego in agricoltura dei presidi sanitari contenenti esaclorocicloesano (BHC).

Vedi Anche:  Cancro Europeo

D.M. 12/7/1975 (G.U. n. 210 del 7/8/1975)

Limitazione d’impiego in agricoltura dei presidi sanitari contenenti Lindano. Fissazione dei limiti di tolleranza dei residui di Lindano negli alimenti. Legge 2/12/1975 n. 638 (G.U. n. 331 del 17/12/1975)

Obbligo dei medici chirurghi di denunciare i casi di intossicazione da antiparassitari. D.M. 8/7/1977 (G.U. n. 196 del 19/7/1977)

Divieto d’impiego in agricoltura del Diallate, del Triallate e del Sulfallate. D.M. 11/10/1978 (G.U. n. 298 del 24/10/1978)

Divieto d’impiego in agricoltura, per la protezione delle piante e a difesa delle derrate alimentari immagazzinate, dei presidi sanitari contenenti il principio attivo DDT (dicloro difenil tricloroetano) e revoca dei presidi sanitari contenenti tale principio attivo. D.M. 2/8/1983 (G.U. n. 215 del 6/8/1983)

Divieto d’impiego in agricoltura dei presidi sanitari (antiparassitari agricoli) contenenti il

principio attivo «Mevinfos (Fosdrin)».

D.M. 29/2/1984 (G.U. n. 106 del 16/4/1984)

Divieto d’impiego in agricoltura dei presidi sanitari contenenti dibromoetano e revoca delle

autorizzazioni relative.

D.M. 13/6/1985 (G.U. n. 166 del 16/7/1985)

Revoca delle registrazioni dei presidi sanitari a base di dicloroetano da solo o in miscela con altri fumiganti.

O.M. 25/6/1986 (G.U. n. 146 del 26/6/1986)

Divieto cautelativo nel territorio nazionale dell’impiego di presidi sanitari contenenti il

principio attivo Atrazina.

O.M. 3/4/1987, n. 135 (G.U. n. 80 del 6/4/1987)

Divieto cautelativo nel territorio nazionale dell’impiego di presidi sanitari contenenti i

principi attivi Atrazina e Molinate.

D.M. 26/5/1987 (G.U. n. 144 del 23/6/1987)

Revoca delle registrazioni dei presidi sanitari contenenti la sostanza attiva Captafol. O.M. 30/5/1987, n. 217 (G.U. n. 127 del 3/6/1987)

Divieto cautelativo nel territorio nazionale dell’impiego di presidi sanitari contenenti il

principio attivo Bentazone.

D.M. 16/11/1987 (G.U. n. 274 del 23/11/1987)

Revoca dell’autorizzazione alla produzione o importazione, al commercio e alla vendita dei presidi sanitari a base del principio attivo denominato Dinoseb, suoi sali e acetato. D.M. 16/11/1987 (G.U. n. 274 del 23/11/1987)

Sospensione dell’autorizzazione alla produzione, al commercio e alla vendita dei presidi sanitari a base del principio attivo denominato Ciexatin. O.M. 31/3/1988 n. 101 (G.U. n. 77 del 1/4/1988)

Divieto cautelativo nel territorio nazionale dell’impiego di presidi sanitari contenenti i

principi attivi Atrazina, Molinate e Bentazone.

O.M. 21/3/1990 n. 705/627 (G.U. n. 70 del 24/3/1990)

Divieti e nuove prescrizioni concernenti l’impiego di alcune sostanze attive diserbanti (norme per Alaclor, Atrazina, Metolaclor, Trifluralin). O.M. 9/5/1991 (G.U. n. 114 del 17/5/1991)

Divieto cautelativo dell’impiego del presidio sanitario «Insegar» contenente il principio attivo fenoxicarb nelle zone di allevamento del baco da seta e nuove limitazioni per i prodotti a base di fenoxicarb. D.M. 25/10/1991 (G.U. n. 290 del 11/12/1991)

Revoca di registrazioni di presidi sanitari per motivi di scarso interesse agronomico.

O.M. 18/3/1992 n. 705/910 (G.U. n. 71 del 25/3/1992)

Divieto di vendita e impiego della sostanza attiva diserbante Atrazina.

D.M. 27/4/1992 (G.U. n. 99 del 29/4/1992)

Sospensione cautelativa della vendita e dell’impiego del presidio sanitario Insegar in tutto il territorio nazionale.

O.M. 23/3/1993 (G.U. n. 78 del 3/4/1993) Divieto di vendita e impiego dell’Atrazina.

D.M. 25/6/1993 (G.U. n. 168 del 20/7/1993)

Riconoscimento alle Regioni e Province autonome del potere di identificazione delle aree di impiego esclusivo del presidio sanitario Insegar.

D.M. 13/12/1993 (G.U. n. 300 del 23/12/1993)

Individuazione delle aree in cui può essere impiegato il presidio sanitario Insegar.

D.M. 14/4/1994 (G.U. n. 101 del 3/5/1994)

Sospensione dell’efficacia dei provvedimenti di registrazione di presidi sanitari a base del principio attivo Atrazina.

O.M. 31/5/1994 (G.U. n. 131 del 7/6/1994)

Divieto temporaneo dell’uso e della vendita del presidio sanitario Insegar su tutto il territorio nazionale.

O.M. 16/6/1994 (G.U. n. 152 del 1/7/1994)

Misure cautelative concernenti i presidi sanitari a base di bromuro di metile.

D.M. 8/8/1995 (G.U. n. 189 del 14/8/1995) Prescrizioni per l’impiego dell’insetticida “Insegar”.

D.M. 9/8/1995 (G.U. n. 206 del 4/9/1995)

Revoca dei prodotti fitosanitari contenenti Ferbam e Azinfos etile.

D.M. 24/1/1996 (G.U. n. 33 del 3/2/1996)

Sospensione cautelativa di commercio e impiego dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva Vinclozolin.

D.M. 12/3/1996 (G.U. n. 75 del 29/3/1996)

Nuove condizioni di impiego relative ai prodotti fitosanitari contenenti Vinclozolin.

D.M. 1/4/1996 (G.U. n. 83 del 9/4/1996)

Impiego dell’insetticida “Insegar” nella provincia autonoma di Bolzano.

D.M. 24/6/1996 (G.U. n. 158 del 8/7/1996)

Nuove condizioni di impiego relative ai prodotti fitosanitari contenenti Diazinone.

D.M. 24/6/1996 (G.U. n. 158 del 8/7/1996)

Nuove condizioni di impiego relative ai prodotti fitosanitari contenenti Metidation.

D.M. 23/7/1996 (G.U. n. 178 del 31/7/1996)

Revoca della registrazione dei prodotti fitosanitari a base di Profam.

D.M. 23/9/1996 (G.U. n. 239 del 11/10/1996)

Nuove condizioni di impiego relative ai prodotti fitosanitari contenenti sostanze attive per le quali i limiti massimi di residui di cui al decreto 9 agosto 1995 implicano una modifica delle condizioni di autorizzazione.

c) Disposizioni legislative su classificazione, etichettatura, imballaggio e trasporto dei prodotti fitosanitari classificati come materie tossiche o pericolose
D.P.R. 9/5/1968, n. 1008 (G.U. n. 252 del 3/10/1968 – suppl. ord.)

Regolamento per l’imbarco, trasporto per mare, sbarco e trasbordo delle merci pericolose in colli.

D.M. 10/9/1968 (G.U. n. 252 del 3/10/1968 – suppl. ord.)

Determinazione dei modelli delle etichette di pericolo, che debbono essere applicate sui recipienti e sugli imballaggi contenenti merci pericolose, e dei vari modi per la separazione delle merci incompatibili.

D.P.R. 30/12/1969, n. 1335 (G.U. n. 169 del 8/7/1970)

Indicazioni e contrassegni da apporre sui recipienti nei quali sono conservati prodotti o materie pericolosi o nocivi.

D.M. 15/5/1972 (G.U. n. 214 del 18/8/1972 – suppl. ord.)

Norme per il trasporto marittimo di merci pericolose in colli caricati su veicoli aventi mezzi di propulsione propria o rimorchiabili, su rotabili ferroviarie, oppure contenuti in casse mobili (contenitori).

D.M. 22/7/1972 (G.U. n. 214 del 18/8/1972 – suppl. ord.)

Approvazione delle «Norme particolari per l’imbarco, il trasporto per mare, il trasbordo e lo sbarco delle merci pericolose in colli appartenenti alla classe 9: materie pericolose diverse».

D.M. 24/7/1972 (G.U. n. 214 del 18/8/1972 – suppl. ord.)

Determinazione del modello dell’etichetta di pericolo che deve essere applicata sui recipienti e sugli imballaggi contenenti materie pericolose diverse dalla classe 9.

D.M. 5/11/1973 (G.U n. 328 del 21/12/1973 – suppl. ord.)

Approvazione delle norme per il trasporto marittimo di colli contenenti piccole quantità di una o più sostanze chimiche pericolose.

Legge 29/5/1974, n. 256 (G.U. n. 178 del 9/7/1974)

Classificazione e disciplina dell’imballaggio e della etichettatura delle sostanze e dei preparati pericolosi.

D.M. 17/12/1977 (G.U. n. 30 del 31/1/1978 – suppl. ord.)

Classificazione e disciplina dell’imballaggio e della etichettatura delle sostanze e dei preparati pericolosi, in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione della CEE.

D.M. 21/5/1981 (G.U. n. 201 del 23/7/1981)

Classificazione e disciplina dell’imballaggio e della etichettatura delle sostanze pericolose, in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione della CEE.

D.M. 17/10/1984 (G.U. n. 311 del 12/11/1984)

Classificazione, imballaggio ed etichettatura dei preparati destinati ad essere usati come solventi.

D.M. 3/12/1985 (G.U. n. 305 del 30/12/1985)

Classificazione e disciplina dell’imballaggio e dell’etichettatura delle sostanze pericolose in attuazione delle Direttive emanate dalla Commissione CEE.

D.M. 25/7/1987, n. 555 (G.U. n. 15 del 20/1/1988 suppl. ord.)

Modificazioni ed integrazioni al decreto ministeriale 3 dicembre 1985 sulla classificazione e la disciplina dell’imballaggio e dell’etichettatura delle sostanze pericolose, in attuazione della direttiva della Commissione delle Comunità europee n. 86/431/CEE del 24 giugno 1986.

Vedi Anche:  La malattia del corallo

D.P.R. 24/5/1988, n. 223 (G.U. n. 146 del 23/6/1988 – suppl. ord.)

Attuazione delle direttive CEE 78/631, 81/187, 84/291, concernenti il riawicinamento degli Stati membri relative «alla classificazione, all’imballaggio e all’etichettatura dei preparati pericolosi denominati antiparassitari».

Circolare Min. Sanità 29/12/1988, n. 37 (G.U. n. 4 del 5/1/1989)

Applicazione del decreto del Presidente della Repubblica 24/5/1988, n. 223, recante norme per il riawicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla classificazione, all’imballaggio e all’etichettatura dei preparati pericolosi antiparassitari. Patentini per l’acquisto dei presidi sanitari (art. 23 del D.P.R. 3/8/1968, n. 1255).

D.M. 20/12/1989 (G.U. n. 10 del 15/2/1990)

Modificazioni ed integrazioni ai decreti ministeriali 3 dicembre 1985 e 25 luglio 1987, n. 555, sulla classificazione e la disciplina dell’imballaggio e dell’etichettatura delle sostanze pericolose, in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione delle Comunità europee.

D.M. 2/8/1990, n. 258 (G.U. n. 213 del 2/9/1990 – suppl. ord. n. 60)

Regolamento per l’adeguamento dei presidi sanitari alle norme sulla classificazione, imballaggio ed etichettatura dei preparati pericolosi (antiparassitari), ai sensi degli articoli 7 e 10 del decreto del Presidente della Repubblica 24/5/1988, n. 223.

D.M. 12/11/1991 (G.U. n. 289 del 10/12/1991 – suppl. straordinario n. 13) Approvazione di etichette relative ai presidi sanitari pericolosi.

D.M. 28/1/1992 (G.U. n. 50 del 29/2/1992 – suppl. ord. n. 46)

Classificazione e disciplina dell’imballaggio e dell’etichettatura dei preparati pericolosi, in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione delle Comunità europee.

Circolare 1/4/1992, n. 15 (G.U. n. 94 del 22/4/1992)

Indicazioni esplicative per l’applicazione del decreto ministeriale 28 gennaio 1992 concernente la classificazione, imballaggio ed etichettatura dei preparati pericolosi.

D.M. 16/2/1993 (G.U. n. 116 del 20/5/1993 – suppl. ord. n. 50)

Modificazioni ed integrazioni ai decreti ministeriali 3 dicembre 1985 e 20 dicembre 1989 sulla classificazione e la disciplina dell’imballaggio e dell’etichettatura delle sostanze pericolose, in attuazione delle direttive emanate dal Consiglio e dalla Commissione delle Comunità europee.

d) Disposizioni legislative sui gas tossici

R.D. 9/11/1927, n. 147 (G.U. n. 49 del 1/3/1927)

Approvazione del regolamento speciale per l’impiego dei gas tossici.

D.M. 9/5/1927 (G.U. n. 111 del 13/5/1927)

Approvazione di disposizioni concernenti l’impiego dei gas tossici di cui al regolamento approvato con R.D. n. 147 del 9/1/1927.

D.M. 6/2/1935 (G.U. n. 65 del 18/3/1935)

Approvazione del prospetto contenente l’elenco dei gas tossici riconosciuti ai sensi del regolamento n. 147 del 9/1/1927.

D.P.R. 10/6/1955, n. 854 (G.U. n. 225 del 29/9/1955)

Decentramento dei servizi dell’Alto Commissariato per l’igiene e la sanità pubblica.

D.M. 13/8/1973 (G.U. n. 228 del 4/9/1973)

Completamento della tabella allegata al regolamento speciale per l’impiego dei gas tossici.

D.M. 31/12/1984 (G.U. n. 11 del 14/1/1985)

Revisione delle patenti di abilitazione all’impiego dei gas tossici.

D.M. 31/12/1986 (G.U. n. 13 del 17/1/1987)

Revisione delle patenti di abilitazione all’impiego dei gas tossici.

D.M. 21/12/1987 (G.U. n. 302 del 29/12/1987)

Revisione delle patenti di abilitazione all’impiego dei gas tossici.

D.M. 12/2/1991 (G.U. n. 49 del 27/2/1991)

Revisione delle patenti di abilitazione all’impiego dei gas tossici.

D.M. 30/12/1994 (G.U. n. 56 del 3/3/1995)

Revisione delle patenti di abilitazione all’impiego dei gas tossici.

e) Disposizioni legislative sui limiti di tolleranza dei residui degli antiparassitari nei prodotti eduli e sui relativi metodi di analisi

O.M. 22/12/1967 (G.U. n. 28 del 1/2/1968)

Limiti di tolleranza nei prodotti ortofrutticoli, con esclusione delle patate, di alcuni antiparassitari agricoli e metodi di analisi.

D.M. 22/11/1968 (G.U. n. 37 del 12/2/1969)

Modifica dell’ordinanza ministeriale del 22/12/1967 riguardante i limiti di tolleranza nei prodotti ortofrutticoli, con esclusione delle patate, di alcuni antiparassitari agricoli e metodi di analisi.

D.M. 6/11/1972 (G.U. n. 97 del 16/11/1972) Approvazione dei metodi ufficiali di analisi degli antiparassitari.

D.M. 21/5/1973 (G.U. n. 194 del 28/7/1973)

Metodi ufficiali di analisi di sostanze alimentari: 1) Endrin, DDT e Metossicloro in frutta e ortaggi; 2) CIPC nelle patate; 3) Penicillina nel latte.

D.M. 12/7/1975 (G.U. n. 210 del 7/8/1975)

Limitazioni d’impiego in agricoltura di presidi sanitari contenenti Lindano. Fissazione dei limiti di tolleranza dei residui di Lindano negli alimenti.

O.M. 23/9/1978 (G.U. n. 295 del 20/10/1978)

Recepimento della direttiva del Consiglio della CEE in data 23/11/1976, concernente le quantità massime di residui di antiparassitari consentite sugli e negli ortofrutticoli.

O.M. 6/1/1979 (G.U. n. 39 del 8/2/1979)

Quantità massime di residui di antiparassitari consentite negli alimenti.

D.M. 20/12/1980 (G.U. n. 8 del 9/1/1981)

Modalità di prelevamento dei campioni per il controllo dei residui di antiparassitari negli e sugli ortofrutticoli.

O.M. 12/6/1981 (G.U. n. 180 del 2/7/1981)

Aggiornamento dell’allegato I all’ordinanza ministeriale 6/1/1979, concernente: «Quantità massime di residui antiparassitari consentite negli alimenti».

O.M. 9/12/1981 (G.U. n. 353 del 24/12/1981)

Aggiornamento dell’allegato I all’ordinanza ministeriale 6/1/1979, concernente: «Quantità massime di residui di antiparassitari consentite negli alimenti».

O.M. 26/7/1983 (G.U. n. 208 del 30/7/1983)

Aggiornamento dell’allegato I all’ordinanza ministeriale 6/1/1979, concernente: «Quantità massime di residui consentite negli alimenti».

O.M. 6/6/1985 (G.U. n. 250 del 23/10/1985)

Quantità massime di residui delle sostanze attive dei presidi sanitari tollerate nei prodotti destinati all’alimentazione.

Circolare Min. 12/10/1985, n. 42 (G.U. n. 250 del 23/10/1985)

Illustrazione dell’ordinanza ministeriale 6 giugno 1985 sui limiti di tolleranza, nei prodotti destinati all’alimentazione, dei residui delle sostanze attive dei presidi sanitari (antiparassitari agricoli).

D.M. 18/7/1990 (G.U. n. 202 del 30/8/1990 – suppl. ord. n. 57)

Quantità massime di residui delle sostanze attive dei presidi sanitari tollerate nei prodotti destinati all’alimentazione.

O.M. 5/8/1991 (G.U. n. 200 del 27/8/1991)

Quantità massime di residui delle sostanze dei presidi sanitari tollerate nei prodotti destinati all’alimentazione. Precisazioni di carattere applicativo ed interpretativo.

O.M. 18/2/1993 (G.U. n. 56 del 9/3/1993)

Quantità massime tollerate di residui delle sostanze attive dei presidi sanitari usati in agricoltura per la protezione delle piante e a difesa delle sostanze alimentari immagazzinate.

O.M. 14/7/1993 (G.U. n. 182 del 5/8/1993)

Quantità massime di residui delle sostanze attive dei presidi sanitari tollerate nei prodotti destinati all’alimentazione.

D.M. 30/7/1993 (G.U. n. 182 del 5/8/1993)

Integrazioni al decreto ministeriale 23 dicembre 1992 recante il recepimento della direttiva n. 90/642/CEE relativa ai limiti massimi di residui di sostanze attive dei presidi sanitari tollerate su ed in prodotti.

O.M. 3/5/1994 (G.U. n. 160 del 11/7/1994 – suppl. ord. n. 101)

Quantità massime di residui di sostanze attive dei presidi sanitari tollerate in cereali e prodotti di origine animale (recepimento della direttiva n. 93/57/CEE).

O.M. 3/5/1994 (G.U. n. 160 del 11/7/1994 – suppl. ord. n. 101)

Quantità massime di residui di sostanze attive dei presidi sanitari tollerate in prodotti alimentari di origine vegetale (recepimento della direttiva n. 93/58/CEE).

D.M. 9/8/1995 (G.U. n. 252 del 27/10/1995 – suppl. ord. n. 124)

Limiti massimi di residui di sostanze attive dei prodotti fitosanitari tollerate in prodotti di origine vegetale (recepimento della direttiva n. 94/30/CE) e in cereali e prodotti di origine animale (recepimento della direttiva n. 94/29/CE).

D.M. 12/8/1995 (G.U. n. 252 del 27/10/1995 – suppl. ord. n. 124)

Vedi Anche:  Fitoregolatori

Limiti massimi di residui di sostanze attive dei prodotti fitosanitari tollerate in o su vegetali e prodotti vegetali.

D.M. 2/4/1996 (G.U. n. 137 del 13/6/1996)

Limiti massimi di residui di sostanze attive dei prodotti fitosanitari tollerate in prodotti di origine vegetale (recepimento della direttiva n. 95/38/CE) e in cereali e prodotti di origine animale (recepimento della direttiva n. 95/39/CE).

D.M. 18/6/1996 (G.U. n. 184 del 7/8/1996)

Limiti massimi di residui di sostanze attive dei prodotti fitosanitari tollerate in o su vegetali e prodotti vegetali.

f) Disposizioni legislative sui presidi medico-chirurgici R.D. 27/7/1934, n. 1265 (G.U. n. 186 del 9/8/1934) Testo unico delle leggi sanitarie (art. n. 189).

Circolare n. 3 del 11/1/1971 Ministero della Sanità – Direz. Gen. Serv. Farmaceutico. Normativa per l’impiego del DDT nel settore domestico-industriale.

D.M. 31/7/1971 (G.U. n. 231 del 14/9/1971)

Obbligo di registrazione quali presidi medico-chirurgici per i prodotti insetto-repellenti.

D.M. 5/11/1973 (G.U. n. 295 del 15/11/1973)

Revoca delle autorizzazioni alla produzione di presidi medico-chirurgici contenenti DDVP.

D.M. 1/2/1974 (G.U. n. 43 del 15/2/1974)

Divieto d’impiego dei clorociclodienici nel settore domestico e civile.

D.M. 9/10/1974 (G.U. n. 280 del 26/10/1974)

Divieto d’impiego dell’Aminotriazolo nel settore domestico civile.

D.M. 9/11/1974 (G.U. n. 305 del 25/11/1974)

Divieto d’impiego del Lindano e del BHC nel settore domestico e civile.

Circolare n. 74 del 1/9/1975 Ministero della Sanità – Direz. Gen. Serv. Farmaceutico. Elenco dei prodotti soggetti a registrazione come presidi medico-chirurgici (disinfettanti, germicidi, battericidi, insetticidi, insetto-repellenti).

D.M. 29/1/1976 (G.U. n. 130 del 18/5/1976)

Obbligo di registrazione quali presidi medico-chirurgici per i prodotti topicidi e ratticidi ad uso domestico e civile.

D.M. 6/3/1978 (G.U. n. 93 del 5/4/1978)

Registrazione quali presidi medico-chirurgici, dei lumachicidi e degli insetticidi per uso floreale e giardinaggio.

D.M. 27/11/1978 (G.U. n. 350 del 16/12/1978)

Provvedimento limitativo per i presidi medico-chirurgici contenenti principi attivi che possono far presumere eventuale formazione di TCDD (diossina).

D.M. 18/7/1980 (G.U. n. 214 del 6/8/1980)

Disciplina dei prodotti funghicidi, lumachicidi ed insetticidi ad impiego floreale e da giardinaggio per uso domestico, da appartamento o giardino.

D.P.R. 13/3/1986, n. 128 (G.U. n. 98 del 29/4/1986)

Regolamento di esecuzione delle norme di cui all’art. 189 del testo unico delle leggi sanitarie, approvato con regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, e successive modificazioni, in materia di produzione e commercio dei presidi medico-chirurgici.

D.M. 8/8/1988 (G.U. n. 202 del 29/8/1988)

Divieto di impiego degli oli medi di catrame nella formulazione dei presidi medico-chirurgici disinfettanti e disinfestanti.

D.M. 25/6/1990 (G.U. n. 183 del 7/8/1990)

Norme per l’adeguamento dei presidi medico-chirurgici già registrati ad decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 223, concernente l’attuazione delle direttive CEE n. 78/631, n. 81/187 e n. 84/291 in materia di classificazione, imballaggio e etichettatura dei preparati pericolosi.

D.M. 25/5/1991 (G.U. n. 138 del 14/6/1991)

Mutuo riconoscimento comunitario delle documentazioni inerenti le domande di autorizzazione a porre in commercio i presidi medico-chirurgici.

g) Disposizioni legislative varie

Legge 23/12/1978, n. 833 (G.U. n. 360 del 28/12/1978)

Istituzione del Servizio sanitario nazionale (Artt. 19-22 sui compiti delle USL. Mappa di rischio e collaborazione degli agronomi per la rilevazione dei dati utili per la prevenzione del danno alle persone e all’ambiente).

D.M. 21/7/1982, n. 741 (G.U. n. 284 del 14/10/1982)

Attuazione della direttiva (CEE) n. 324 del 1975 relativa ai generatori aerosol.

Circolare Min. 19/7/1984 (G.U. n. 203 del 25/7/1984)

Misure di protezione sull’impiego dei presidi sanitari (fitofarmaci per l’agricoltura) comunque applicati – Attività di prevenzione.

Circolare Min. 17/12/1985, n. 51

Controlli su impiego e commercializzazione degli antiparassitari agricoli.

Circolare Min. 17/3/1987, n. 12 (G.U. n. 70 del 25/3/1987) Istituzione del «Quaderno di campagna» presso le aziende agricole.

Legge 16/4/1987, n. 183 – art. 15 (G.U. n. 109 del 13/5/1987 – suppl. ord. n. 51) Coordinamento delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee ed adeguamento dell’ordinamento interno agli atti normativi comunitari.

D.M. 20/7/1987 (G.U. n. 177 del 31/7/1987)

Quaderno di campagna e scheda di acquisto dei presidi sanitari.

O.M. 30/10/1987, n. 462 (G.U. n. 262 del 9/11/1987)

Proroga del termine di decorrenza dell’istituzione del «Quaderno di campagna».

O.M. 24/2/1988, n. 64 (G.U. n. 59 del 11/3/1988)

Dosi massime e campi di impiego di alcune sostanze attive diserbanti.

O.M. 27/2/1988, n. 65 (G.U. n. 59 del 11/3/1988)

Proroga del termine di decorrenza dell’istituzione del «Quaderno di campagna».

D.M. 30/3/1988, n. 147 (G.U. n. 107 del 9/5/1988)

Norme fitosanitarie relative all’importazione, esportazione e transito dei vegetali e prodotti vegetali.

D.P.R. 24/5/1988, n. 236 (G.U. n. 152 del 30/6/1988 – suppl. ord. n. 60) Attuazione della Direttiva CEE n. 80/778 concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano, ai sensi dell’art. 15 della Legge 16 aprile 1987, n. 183. O.M. 5/8/1988, n. 366 (G.U. n. 200 del 26/8/1988)

Proroga del termine di decorrenza dell’istituzione del «Quaderno di campagna». D.M. 23/6/1989 (G.U. n. 181 del 4/8/1989 – suppl. ord. n. 56)

Norme fitosanitarie relative all’importazione, esportazione e transito dei vegetali e prodotti vegetali.

D.M. 25/1/1991, n. 217 (G.U. n. 171 del 23/7/1991)

Regolamento per l’attuazione dell’art. 15, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 236, concernente le caratteristiche delle schede per la rilevazione dei dati riguardanti la vendita, l’acquisto e l’utilizzazione dei presidi sanitari, nonché le relative modalità di compilazione, tempi e procedure di rilevamento e di trasmissione dei dati. D.M. 1/8/1991 (G.U. n. 212 del 10/9/1991)

Applicazione dell’accordo di Schengen concernente i controlli fitosanitari. D.M. 2/7/1992, n. 436 (G.U. n. 270 del 16/11/1992)

Regolamento recante modificazioni al decreto ministeriale 25 gennaio 1991, n. 217, relativo all’approvazione del regolamento per l’attuazione dell’art. 15, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 236, concernente le caratteristiche delle schede per la rilevazione dei dati riguardanti la vendita, l’acquisto e l’utilizzazione dei presidi sanitari, nonché le relative modalità di compilazione, tempi e procedure di rilevamento e di trasmissione dei dati. Circolare 30/4/1993, n. 14 (G.U. n. 135 del 11/6/1993)

Aggiornamento dei quesiti utilizzabili per il colloquio finalizzato ad ottenere l’autorizzazione pei l’acquisto di presidi sanitari delle classi tossicologiche I e II (articoli 23 e 24 del decreto del Presidente della Repubblica 3 agosto 1968, n. 1255). D. Lgs. 28/12/1994, n. 723 (G.U. n. 303 del 29/12/1994)

Disposizioni urgenti in materia di differimento di termini previsti da disposizioni legislative. D.P.R. 14/7/1995 (G.U. n. 260 del 7/11/1995)

Atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni e Province autonome sui criteri uniformi per

l’elaborazione dei programmi di controllo ufficiale degli alimenti e bevande.

D. Lgs. 23/12/1995, n. 547 (G.U. n. 301 del 28/12/1995)

Art. 6, punto 13 per: proroga quaderno di campagna al 30/4/1996.

D.M. 31/1/1996 (G.U. n. 41 del 19/2/1996 – suppl. ord. n. 33)

Misure di protezione contro l’introduzione e la diffusione nel territorio della Repubblica italiana di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali.

Note

(diserbante)

METAM-SODIUM (fumigante fungicida-nematocida)

METAZACLOR (diserbante)

METIDATION (insetticida)

v. DITIOCARBAMMATI

Cavoli, patate, semi di colza

0,05 2

0,05 0,3 0,2 0,5 1

0,02 0.02

Agrumi

Frutta a guscio

Pomacee .

Drupacee (escluse le ciliege)

Uve .

Olive

Ciliege

Altra frutta .