Cocciniglia

La cocciniglia

La cocciniglia è un insetto con uno stile di vita un po’ particolare. In effetti, immobile allo stadio adulto, si sposta solo quando passa dallo stadio larvale allo stadio adulto (solo una specie, detta “cocciniglia molle“, continua a muoversi anche da adulta). Questa fase di transizione dura solo qualche ora, il tempo di uscire dal guscio della madre, che muore subito dopo, e di fissarsi su altri alberi o piante; in seguito, l’insetto perde le antenne e le zampe. Il corpo è ricoperto da un carapace resistente. Le uova si schiudono in primavera. La cocciniglia si nutre succhiando la linfa sui rami e sui ramoscelli, la cui corteccia è più facile da perforare.


Nel compiere questa operazione, l’insetto secerne una melata (come l’aleurodide e l’afide) che rende le foglie appiccicose e favorisce la comparsa della fumaggine. La melata attira inoltre le vespe e le formiche. A seconda della specie, le cocciniglie attaccano gli alberi, gli arbusti o le piante ornamentali, fissandosi sotto la corteccia dei rami e dei ramoscelli. La cocciniglia farinosa delle serre si sviluppa in serra, come dice il nome, e negli ambienti con un clima mediterraneo. Di colore bianco e di consistenza farinosa, predilige le piante ornamentali e secerne un’abbondante melata.

Gli strumenti di lotta

  • Sugli alberi a foglie caduche, spruzzate in inverno gli oli gialli, senza dimenticare la parte posteriore delle foglie.

La cocciniglia di San José_

La cocciniglia di San José appartiene alla famiglia delle cocciniglie. La lotta contro la cocciniglia di San José è obbligatoria su tutto il territorio italiano (vedi Gazzetta Ufficiale n. 125 del 01/06/1998) e avviene con l’aiuto di un piccolo imenottero (Prospaltella perniciosi). Comparso per la prima volta in California, si è diffuso in tutti i continenti a velocità sbalorditiva.