La pulce del cane – Ctenocephalides canis

INFESTANTI DELL'UOMO e DEGLI ANIMALI DOMESTICI

La pulce del cane – Ctenocephalides canis

La pulce del cane - Ctenocephalides canisLa pulce del cane - Ctenocephalides canis
 

 

Ctenocephalides canis, la pulce del cane                         Larva di pulce
 

Habitat: 

  •  Le pulci adulte sono parassiti degli animali a sangue caldo, soprattutto mammiferi, le pulci non sono selettive riguardo all’ospite di cui nutrirsi, in assenza dell'ospite normale, si spostano da un animale all’altro.
  •  Al contrario delle pulci adulte, le larve delle pulci richiedono habitat specifici, associati più che altro alle abitudini di nidificazione degli ospiti, più che al tipo di sangue.
  •  L’habitat delle larve di pulce comunque, è preferibilmente buio, umido, come ad esempio le lettiere degli animali e la peluria del tappeto, dove prosperano nutrendosi di detriti organici e di escrementi delle pulci adulte.
  •  L’habitat delle pulci e soprattutto della pulce del cane (Ctenocephalides canis), può essere anche  una fessura nel pavimento, quindi anche il più poveraccio dei cani avrà la sua bella compagnia di pulci che lo aspettano al suo ritorno a casa. 
  •  La pulce del cane (Ctenocephalides canis) infesta facilmente anche le pecore, che dormono in prossimità del loro cane pastore.

Morfologia: 

  •  Il corpo delle pulci misura in media da 1,5 a 3,3 mm I corpi sono appiattiti da lato a lato permettendo così una facile movimentazione attraverso i peli o le piume sul corpo dell'ospite.
  •  L’apparato buccale delle pulci è come un tubo adattato per nutrirsi del sangue di altri animali. 
  •  Le zampe delle pulci in generale sono lunghe, i due arti posteriori sono ben adattati per il salto, (verticalmente fino a sette pollici (18 cm); orizzontalmente tredici pollici (33 cm)) – circa 200 volte la lunghezza del proprio corpo, rendendo la pulce il miglior saltatore di tutti gli animali.
  •  Le uova delle pulci sono lunghe circa 0,5 millimetri, ovali, di colore bianco-perlacee, e vengono depositate indiscriminatamente nel pelo, tra le piume, nelle cucce degli animali domestici come nella biancheria del vostro letto.
  •  Le feci delle pulci, sono quei piccoli pallini neri che, quando l’animale è infestato, si possono vedere tra il pelo e schiacciandoli su di un fondo bianco lasciano una stria di sangue.
  •  Le larve delle pulci in generale, e le pulci del cane non fanno eccezioni, emergono dalle uova e si nutrono di qualsiasi materiale organico disponibile, come insetti morti, escrementi e altre sostanze vegetali e comunque hanno bisogno degli escrementi delle pulci adulte che contengono sangue semidigerito.
  • Sintomo chiaro di un infestazione da pulci è proprio questo effetto sale-pepe costituito dalle larve (chiare) e dalle feci (scure sanguinolente) un po’ ovunque.
     

Ciclo vitale:

  •  Le pulci in generale hanno una vita sessuale molto intensa, il loro accoppiamento per essere fecondo deve superare i 60 minuti, il numero delle uova di pulce deposte può essere molto alto e avviene di solito dopo ogni pasto di sangue. Dipende comunque dalla specie dal clima e dalla disponibilità di nutrimento.
  •  Le pulci sono insetti  il cui ciclo vitale passa attraverso quattro stadi: embrione, larva, pupa e imago (adulto). 
  •  Il ciclo di vita della pulce del cane inizia quando la femmina depone le uova dopo il pasto di sangue dell’ospite.
  •  Le uova delle pulci del cane (Ctenocephalides canis), deposte in gruppi di fino a 20 o giù di lì, cadono quasi subito a terra, quindi il posto dove il cane riposa, la sua cuccia diventa l’habitat primario dove prende forma l’infestazione da pulci.
  •  Il ciclo di sviluppo da uovo a pulce adulta del cane si completa di solito in 4 settimane, ma a basse temperature ci vuole molto più tempo.
  •  Nella fase di pupe le larve delle pulci sono racchiuse in un bozzolo di seta coperto di detriti per meglio mimetizzarsi.
  •  Le larve delle pulci, inizialmente di color bianco panna, lentamente cambiano il colore in marrone scuro maturando e diventando pulci adulte.
  •  In questo stato di muta larvale la pulce parassita del cane può trascorrere l'inverno.

Abitudini:

  •  La pulce del cane (Ctenocephalides canis) è un ospite intermedio della tenia del cane (Dipylidium caninum), il cui ospite vertebrato è di solito il nostro affezionato cane.
  •  La Tenia del cane oltre ad altre varie malattie e parassitosi, può essere trasmessa dalle pulci agli esseri umani.
  •  Le pulci adulte hanno solo circa una settimana per trovare l'alimento una volta che emergono, anche se possono sopravvivere dai due mesi a un anno tra i pasti.
  •  La pulce adulta emerge dallo stato larvale stimolata dalle vibrazioni, causate da un ospite di passaggio. Questo spiega gli attacchi di massa che si verificano occasionalmente in locali deserti.
  •  La pulce parassita del cane (Ctenocephalides canis)  al contrario della pulce del gatto (Ctenocephalides felis) passa più tempo sull’ospite ma comunque, sempre và e volta tra un pasto, con conseguente deposizione di uova, e l’altro, tra il luogo stanziale dell’ospite e il suo corpo fonte di nutrimento.
  •  Ricordate che la pulce del cane non infesta i gatti, mentre è vero il contrario.

 

La pulce del cane - Ctenocephalides canis

 Conformazione della testa delle pulci più comuni: un modo sicuro per riconoscerle.

Difficile è liberarsi da soli da un infestazione di pulci. Bisogna usare tecniche specifiche, saper riconoscere la specie o le specie di pulci che possono coesistere in un unica infestazione e trovarne il focolaio. Buona norma è collocare i tessuti infestati al sole diretto, non dimenticarsi di mantenere pulite le cucce degli animali. Ricordatevi che le pulci possono essere i vettori di molte malattie, quindi in caso di infestazione chiamate una ditta specializzata in Bio-disinfestazioni.



negozio disinfestazione pulci

Compra on line! Prodotti, Attrezzature e Macchinari per la Disinfestazione da pulci – Fai Da Te

La pulce del gatto – Ctenocephalides felis

INFESTANTI DELL'UOMO e DEGLI ANIMALI DOMESTICI

La pulce del gatto – Ctenocephalides felis

La pulce del gatto - Ctenocephalides felis

La pulce del gatto - Ctenocephalides felis

Ctenocephalides felis, la pulce del gatto                                 Larva di pulce

  

Habitat:

  •  Le pulci del gatto (Ctenocephalides felis) sono responsabili per la maggior parte delle infestazioni da pulci, soppiantando il più delle volte la pulce dell’uomo (Pulex irritans) e la pulce del cane (Ctenocephalides canis).
  •  L’aumento molte volte incontrollato della presenza di  Ctenocephalides felis (pulce del gatto) si spiega con l'aumento del numero di animali domestici mantenuti nelle case e la deplorevole tendenza a trascurare la pulizia delle loro cucce.
  •  L’habitat delle larve di pulce comunque, è preferibilmente buio, umido, come ad esempio lettiere degli animali e la peluria del tappeto, nutrendosi di detriti organici e di escrementi delle pulci adulte.
  •  La pulce del gatto (Ctenocephalides felis), infesta anche i cani, conigli o criceti essendo diventata la specie di pulce predominante
  •  Fattore strano ma importante è che la pulce del gatto vive benissimo sui cani, mentre non sembra essere vero il contrario.
  •  È noto che differenti specie di pulci possono coesistere sullo stesso animale (umani inclusi), quando questi è particolarmente soggetto ad una infestazione da parassiti.

Morfologia: 

  •  Il corpo delle pulci misura in media da 1,5 a 3,3 mm. La pulce del gatto, è la più grande può arrivare fino a 4mm. I corpi sono appiattiti da lato a lato permettendo così una facile movimentazione attraverso i peli o le piume sul corpo dell'ospite.
  •  Le zampe delle pulci in generale sono lunghe, i due arti posteriori sono ben adattati per il salto, (verticalmente fino a sette pollici (18 cm); orizzontalmente tredici pollici (33 cm)) – circa 200 volte la lunghezza del proprio corpo, rendendo la pulce il miglior saltatore di tutti gli animali.
  •  L’apparato buccale delle pulci è come un tubo adattato per nutrirsi del sangue di altri animali.
  •  Il corpo delle pulci  del gatto (Ctenocephalides felis) è,oltre che appiattito, duro, lucido, e coperto di peli spinosi corti inclinati nella direzione contraria al pelo dell’ospite, per poter averne una presa migliore.
  •  La pulce del gatto è più marrone che nera molto mobile, all’uomo di solito morde di preferenza le caviglie e l’interno delle ginocchia, ma comunque preferisce al vostro sangue quello dei vostri animali domestici.

Ciclo vitale:

  •  Nella fase di pupe le larve delle pulci sono racchiusi in un bozzolo di seta coperto di detriti per meglio mimetizzarsi.
  •  Le larve delle pulci (vedi foto) quando escono dal bozzolo, mangiano detriti, residui di pelle, forfora e cose simili, ma per completare il loro sviluppo e diventare pulci adulte hanno bisogno anche di sangue, però non hanno la conformazione fisica per poter pungere attivamente, quindi per sopravvivere devono esserci delle pulci adulte che a loro volta si nutrono e dispensano questo sangue semidigerito sotto forma di feci.
  •  Le larve delle pulci, inizialmente di color bianco panna, lentamente cambiano il colore in marrone scuro maturando e diventando pulci adulte.
  •  In questo stato di muta larvale la pulce può trascorrere l'inverno. 
  •  La Ctenocephalides felis o pulce del gatto, è la specie più prolifica, arriva a depositare 25 uova al giorno, per un mese di seguito. 
  •  Le uova delle pulci del gatto sono leggermente appiccicose e dopo essere state deposte normalmente cadono giù dal pelo dell’animale e completano il loro sviluppo di solito nella cuccia (o tana) dello stesso.

Abitudini: 

  •  I morsi di pulce del gatto,si possono identificare come un piccolo punto scuro rosso circondato da una zona arrossata.
  •  Il morso della pulce persiste per uno o due giorni, ed è fortemente irritante.
  •  Le punture delle pulci sono di solito in linee di tre, come accade anche per le cimici, questo e’ un segno piuttosto distintivo dell’infestazione di un insetto ematofago non volante.
  •  I gatti possono sostenere una popolazione di pulci immature di circa 8.000 unità e 2.000 forme adulte. 
  •  Un'infestazione di pulci tipica può comprendere 5% di adulti, 35% di larve, 10% di pupe, e il 50% di uova.
  •  Su un gatto infestato dalle pulci, ad esempio, non c’è di solito che qualche decina di adulti, che salgono e scendono dall’animale alla cuccia. Perciò disinfestare l’animale senza preventivamente e successivamente disinfestare il posto dove riposa è molto spesso inutile.
  •  Le pulci possono essere vettori di molte malattie e possono trasmettere vermi parassiti.
  •  La pulce adulta emerge dallo stato larvale stimolata dalle vibrazioni, causate da un ospite di passaggio. Questo spiega gli attacchi di massa che si verificano occasionalmente in locali deserti.

La pulce del gatto - Ctenocephalides felis

Conformazione della testa delle pulci più comuni: un modo sicuro per riconoscerle

Difficile è liberarsi da soli da un infestazione di pulci. Bisogna usare tecniche specifiche, saper riconoscere la specie o le specie di pulci che possono coesistere in un unica infestazione e trovarne il focolaio. Buona norma è collocare i tessuti infestati al sole diretto, non dimenticarsi di mantenere pulite le cucce degli animali. Ricordatevi che le pulci possono essere i vettori di molte malattie, quindi in caso di infestazione chiamate una ditta specializzata in Bio-disinfestazioni.



negozio disinfestazione pulci

Compra on line! Prodotti, Attrezzature e Macchinari per la Disinfestazione da pulci – Fai Da Te

La pulce dell’uomo-Pulex irritans

INFESTANTI DELL’UOMO e DEGLI ANIMALI DOMESTICI

La pulce dell’ uomo – Pulex irritans 

La pulce dell'uomo-Pulex irritans

La pulce dell'uomo-Pulex irritans

 

 

 

Pulex irritans                                                                     Larva di pulce

 

   

Habitat: 

  •  Le pulci adulte sono parassiti degli animali a sangue caldo, soprattutto mammiferi, le pulci non sono selettive riguardo all’ospite di cui nutrirsi, in assenza dell'ospite normale, si spostano da un animale all’altro.
  •  Al contrario delle pulci adulte, le larve delle pulci richiedono habitat specifici, associati più che altro alle abitudini di nidificazione degli ospiti, più che al tipo di sangue.
  •  L’habitat delle larve di pulce comunque, è preferibilmente buio, ama i luoghi umidi, come ad esempio lettiere degli animali e la peluria peluria del tappeto, nutrendosi di detriti organici e di escrementi delle pulci adulte.
  •  Le infestazioni di Pulex irritans (pulce umana) vera e propria sono rare in Italia.
  •  La Pulex irritans detta anche pulce umana, è però anche la pulce del maiale e di altri animali a pelo rado, ed è per questo che con l’evoluzione sembra abbia quasi completamente perso il cosiddetto “pettine” che la tiene ancorata all’ospite.
  •  La Pulex irritans, pulce specifica della specie umana, si può definire a rischio di estinzione grazie al progredire delle norme igieniche, nel mondo occidentale, la troviamo solo nelle zone agricole in presenza di allevamenti di maiali.
  •  È noto che differenti specie di pulci possono coesistere sullo stesso animale (umani inclusi) quando questi è particolarmente infestato.

Morfologia: 

  •  Il corpo delle pulci misura in media da 1,5 a 3,3 mm. I corpi sono appiattiti da lato a lato permettendo così una facile movimentazione attraverso i peli o le piume sul corpo dell'ospite.
  •  L’apparato buccale delle pulci è come un tubo adattato per nutrirsi del sangue di altri animali. 
  •  Le zampe delle pulci in generale sono lunghe, i due arti posteriori sono ben adattati per il salto, (verticalmente fino a sette pollici (18 cm); orizzontalmente tredici pollici (33 cm)) – circa 200 volte la lunghezza del proprio corpo, rendendo la pulce il miglior saltatore di tutti gli animali.
  •  La Pulex irritans è un po’ più piccola, nera, salta di meno delle altre pulci, può pungervi ovunque e ovviamente preferisce pungere l’uomo che altri animali.
  •  Le uova delle pulci sono lunghe circa 0,5 millimetri, ovali, di colore bianco-perlacee, e vengono depositate indiscriminatamente nel pelo, tra le piume, nelle cucce degli animali domestici come nella biancheria del vostro letto.
  •  Le feci delle pulci, sono quei piccoli pallini neri che, quando l’animale è infestato, si possono vedere tra il pelo e schiacciandoli su di un fondo bianco lasciano una stria di sangue.
     

Ciclo vitale: 

  •  Le pulci in generale hanno una vita sessuale molto intensa, il loro accoppiamento per essere fecondo deve superare i 60 minuti, il numero delle uova di pulce deposte può essere molto alto e avviene di solito dopo ogni pasto di sangue. Dipende comunque dalla specie, dal clima e dalla disponibilità di nutrimento. 
  •  La pulce dell’uomo (Pulex irritans), ad esempio, depone 4-8 uova dopo ogni pasto, una singola femmina può produrre 800-1000 uova durante la sua vita, che normalmente dura due anni.
  •  Le uova di pulce non si attaccano all’ospite, e cadono facilmente quando vengono scosse o grattate. 
  •  Le uova delle pulci si schiudono in circa una settimana, dando origine a  larve di 1,5 millimetri senza gambe lunghe e strette, di colore bianco.
  •  Nella fase di pupe, le larve delle pulci rimangono racchiuse in un bozzolo di seta coperto di detriti per meglio mimetizzarsi.
  •  Le larve delle pulci (vedi foto) quando escono dal bozzolo, mangiano detriti, residui di pelle, forfora e cose simili, ma per completare il loro sviluppo e diventare pulci adulte hanno bisogno anche di sangue, però non hanno la conformazione fisica per poter pungere attivamente, quindi per sopravvivere devono esserci delle pulci adulte che a loro volta si nutrono e dispensano questo sangue semidigerito sotto forma di feci.

Abitudini:  

  •  Le pulci possono essere vettori di molte malattie e possono trasmettere vermi parassiti.
  •  Le punture delle pulci sono di solito in linee di tre, come accade anche per le cimici, questo e’ un segno piuttosto distintivo dell’infestazione di un insetto ematofago non volante.
  •  Il morso della pulce persiste per uno o due giorni, ed è fortemente irritante.
  •  La pulce adulta emerge dallo stato larvale stimolata dalle vibrazioni, causate da un ospite di passaggio. Questo spiega gli attacchi di massa che si verificano occasionalmente in locali deserti.

La pulce dell'uomo-Pulex irritans

 Conformazione della testa delle pulci più comuni: un modo sicuro per riconoscerle

Difficile è liberarsi da soli da un infestazione di pulci. Bisogna usare tecniche specifiche, saper riconoscere la specie o le specie di pulci che possono coesistere in un unica infestazione e trovarne il focolaio. Buona norma è collocare i tessuti infestati al sole diretto, non dimenticarsi di mantenere pulite le cucce degli animali. Ricordatevi che le pulci possono essere i vettori di molte malattie, quindi in caso di infestazione chiamate una ditta specializzata in Bio-disinfestazioni.



negozio disinfestazione pulci

Compra on line! Prodotti, Attrezzature e Macchinari per la Disinfestazione da pulci – Fai Da Te