La Phytophtofa

Le principali affezioni crittogamiche

La phytophtofa

La phytophtora è un fungo che provoca molti danni.

Sopravvive nel terreno e si sviluppa soprattutto quando c’è troppa acqua nel suolo e la temperatura ambiente è di 15-20 °C.

Si propaga attraverso l’acqua e l’uomo. Il fungo si fissa alla pianta tramite le ferite presenti sul colletto o sulle radici superficiali.

La propagazione può anche avvenire tramite gli animali, come ad esempio alcuni nematodi.

I sintomi e i danni

Sulla parte aerea delle piante, il fogliame perde colore (tende al bruno o al giallo) e la pianta si affloscia, come se avesse sete.

Sul colletto compare un marciume color marrone. Le radici sono intaccate gravemente e si manifestano dei cancri.

Questo fungo colpisce in particolare le eriche, le conifere da ornamento, i rododendri, i cipressi cyparis, le azalee.

Gli strumenti di lotta

  • Rimedi colturali:
    • combattete l’umidità stagnante;
    • controllate le ferite, soprattutto sul colletto;
    • gli alberi o i vegetali colpiti devono essere bruciati.